ALL’OMBRA DELLA ROCCIA GRIGIA di Domenico Turco

“ALL’OMBRA DELLA ROCCIA GRIGIA” […] ripropone la figura eliotiana di San Narciso, ma in tutt’altra luce rispetto a quella del poeta di The Waste Land. Attraverso le metamorfosi del santo da pianta d’ulivo a quercia, da quieto pesce a bella ninfa assistiamo ad una dilatazione cosmica del narcisismo, nell’ambito della quale la memoria biologica si fa coscienza e la molteplicità delle forme della vita si riduce alla sua essenziale unità, facendoci apparire illusoria la morte (ogni morte) di Narciso, dovuta alla fascinazione della separatezza del singolo dal tutto. Ma il trapasso dal paganesimo al cristianesimo, sebbene accettato con divino entusiasmo (m’immersi nell’ebbrezza del martirio) delude le aspettative riposte nella metamorfosi e nel movimento, e il santo si ritrova  “testimone della fine;/per una triste alba imperitura; /per un inizio di molle indolenza…”
Diego Guadagnino, dalla Presentazione di Acque Lustrali, Venilia, 2003..

Domenico Turco

ALL’OMBRA DELLA ROCCIA GRIGIA

Prima fui pianta d’ulivo, dipinta di rosso
su sfondo dorato. Poi robusta quercia
sul ciglio d’una strada irriverente…

Vicino al fiume appresi conoscenza
dei fusi vegetali delle dita,
e delle braccia che si trasmutavano
lievi, alate di neve e scirocco.

Mi vidi in altre vite: quieto pesce
dei mari; bella ninfa
inseguita da qualche dio caprino.

Con musica di silenzi lontani
udii lá nel vento, da settentrione,
suoni d’arpe e liuti
nel canto del desiderio più alto,
e la danza, la danza sui carboni
ardenti della mente,
in preda al sognante delirio.

Accettai le frecce – come fiammelle –
m’immersi nell’ebbrezza del martirio;
foglia consacrata al vento divino.

Con gli occhi chiusi al tumulto del mondo
diventai testimone della fine;
per una triste alba imperitura;
per un inizio di molle indolenza…

Tratta da ACQUE LUSTRALIdi Domenico Turco, Venilia Editrice, Montemerlo 2003.

Tutti i diritti riservati (può essere ri-pubblicata solo citando l’autore e la fonte).

ALL’OMBRA DELLA ROCCIA GRIGIA di Domenico Turcoultima modifica: 2008-10-17T11:49:44+02:00da domenicoturco
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento