ANNUNCIAZIONE

Con insostenibile leggerezza
la rondine ritorna alla mia terra,
campi e strade splendenti nella luce;
e anche la mente vola ad alte sfere
rase da venti cardinali,
che incrinano case, piante, colline…

Ovunque spira alacremente
un alito d’oblioso aquilone,
con accenti quaresimali,
voci dal deserto e campane a stormo.

Altro tempo, altra stagione
a sconvolgere d’improvviso i giorni 
quando primavera rimette al cuore
la trama dei ricordi, l’ordito dei desideri.

Il mondo non è mai come vorresti;
le nuove età per caso,
e non per scelta, sconti.

L’altra vita è sospesa
in un mondo di specchi rovesciati,
occasioni che sopravvivono
nel domani, delirio
di sogni non sognati, di pensieri
non pensati. Il vento gira, 
nuovo tempo s’annuncia.

Non smentire il dono dei giorni, Musa!                   
In albe future ripongo i sogni,
al riparo dal volo
d’oscuri demoni senza sorriso.

Arriva con fughe d’uccelli neri,
con fiori freschi e screziati, la Meta:
e s’impone al viatico dei lenti istanti,
promessa di speranza e vita.

La destinazione è nel cammino,
la partenza adesso…Dove vai?
Non ti dirò mai di fermarti.
Che tu sia la benvenuta, Oh Vita!

Con ineffabile bellezza
il mondo ancor si annuncia, e rinasce…
 

Poesia di Domenico Turco, tratta da ACQUE LUSTRALI (Venilia, Montemerlo, 2003).

Tutti i diritti riservati.

ANNUNCIAZIONEultima modifica: 2008-09-27T16:14:06+02:00da domenicoturco
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento