Omaggio al giudice Falcone

DOMENICO TURCO

T’AMMAZZARU, OMU DI PACI
(A Giovanni Falcone)

C’era suli, precisi comi ora,
suli e silenziu, prima di l’agguatu:
t’ammazzaru, omu di paci,
t’ammazzaru comi un cani arraggiatu
senza lassariti mancu lu tiempu
di prigari, o taliari lu mari
l’urtima vota; e a tuttu lu munnu
quannu muristi ci parsi ca morsi
la ‘Ggiustizia ‘mpersuna,
e la Verità trimà di ‘ncapu
alla sò seggia papali
‘nsiemi allu cori di cù cridiva
ca putiva essicci n’antra Sicilia…

Però mancu muristi ammatula,
ora li tò paroli diettiru fruttu,
in ogni puntu di chissu Pianeta,
di l’unu all’antru oceanu,
li tò paroli gridanu comi la tramuntana
e la ‘bburrasca, sunnu ‘ntramati
dintra li elementi: ni l’acqua ca viviemmu,
ni l’aria ca respirammu,

ni lu fuecu ca addrumammu
e ni la terra ca pistammu
caminannu unni tu caminasti,
nill’isola di li lacrimi ‘cchiù amari
e di li ‘rrisati ‘cchiù dunci,
paisi di l’amuri senza amuri,
paradisu di sangu…

E ora ca passà tantu tiempu
nun ti scurdammu, omu di paci,
pirchì comi si po’ scurdari
l’acqua e l’aria, lu fuecu e la terra?
Comi si po’ scurdari
lu tò ‘nnomi nobili, e l’uecchi tua di farcu,
la tò vuci pizzuta comi ‘nnà fanci
pi tagliari la facci alli mafiusi?
Comi si po’ scurdari
lu tò martiriu di santu e surdatu
di ‘nnà guerra ca tingi di russu
li strati nivuri, cunzati a luttu,
strati unni è accussì facili moriri,
unni è accussì difficili campari?

Trad. “Ti hanno ucciso, uomo di pace!”

C’era sole, proprio come ora,/sole e silenzio, prima dell’agguato:/ti hanno ucciso, uomo di pace,/ti hanno ucciso come un cane rabbioso/senza lasciarti neanche il tempo/ di pregare, o guardare il mare/l’ultima volta; e a tutto il mondo/quando sei morto sembrò che fosse morta/La Giustizia personificata /E la Verità tremò sopra/ il suo seggio papale/insieme al cuore di chi credeva/che poteva esserci un’altra Sicilia…/Però non sei morto invano,/ora le tue parole hanno dato frutto/in ogni punto del Pianeta,/dall’uno all’altro oceano/le tue parole gridano come la tramontana/e la burrasca, sono incorporate/negli elementi: nell’acqua che beviamo,/nell’aria che respiriamo, nel fuoco che accendiamo/e nella terra che calpestiamo/camminando dove tu hai camminato/nell’isola delle lacrime più amare/e dei sorrisi più dolci,/paese dell’amore senza amore,/paradiso di sangue…/E ora che è passato tanto tempo/non ti dimentichiamo, uomo di pace /perché come si può dimenticare/l’acqua e l’aria, il fuoco e la terra?/Come si può dimenticare/il tuo nome nobile,/e i tuoi occhi di falco/la tua voce acuminata come una falce/per tagliare la faccia ai mafiosi? / Come si può dimenticare /il tuo martirio di santo e soldato/di una guerra che dipinge di rosso/le strade nere, bardate a lutto, / strade dove è così facile morire,/ dove è così difficile vivere?

Omaggio al giudice Falconeultima modifica: 2008-01-14T11:38:51+01:00da domenicoturco
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Omaggio al giudice Falcone

Lascia un commento